Ganoderma lucidum è il nome botanico di un fungo medicinale molto popolare nella medicina tradizionale orientale (chiamato Ling Zhi) e giapponese (chiamato Reishi) dove viene usato da oltre 4.000 anni per tutti i suoi benefici da Re , Nobili e Imperatori . L’azione terapeutica degli oltre 150 principi attivi contenuti in esso e la velocità in cui i disturbi scompaiono dopo che lo si è assunto, rendono questo fungo così famoso  viene soprannominato il “Fungo dell’Immortalità”.

Se fino a qualche decennio fa il Ganoderma lucidum era usato solo in Asia e la sua efficacia era riconosciuta esclusivamente dalla medicina popolare, di recente gli scienziati hanno iniziato a studiarlo. Oggi sono più di 1200 gli studi scientifici che confermano i numerosi benefici che il Ganoderma Lucidum può fornire a chi lo assume, e sono consultabili sulla banca dati medico-scientifica della National Library of Medicine.

Ecco 10 benefici del Reishi – Elisir per la salute


read more

Il fungo Ganoderma, detto anche Reishi, è utilizzato fin dai tempi antichi nella medicina tradizionale giapponese per contrastare diverse problematiche, tra cui anche l’allergia. Come confermato dalle ricerche scientifiche, l’estratto di Ganoderma è in grado di apportare numerosi benefici alla salute, tanto che l’effetto viene paragonato a quello di un farmaco. Il vantaggio, però, è che il fungo Reishi è un rimedio naturale in grado di rafforzare tutto l’organismo.

Nel caso delle allergie, che mettono in ginocchio milioni di italiani ogni anno, le proprietà officinali del Ganoderma, che giocano un ruolo fondamentale, sono legate alla presenza degli acidi oleici. Questi ultimi sono in grado di contrastare le allergie, poichè sono in grado di ridurre la produzione di istamina, che è un composto di azoto che funge come interruttore scatenando reazioni infiammatorie, ovvero dando origine ai sintomi dell’allergia. L’istamina è contenuta in tanti elementi ed in alcuni cibi si può manifestare un particolare rilascio della molecola (cibi istamino-liberatori), che può scatenare reazioni allergiche importanti, andando ad innescare i meccanismi infiammatori del sistema immunitario. Esistono, però, delle sostanze in grado di ridurre in modo notevole l’effetto dell’istamina, come, per l’appunto, gli acidi oleici. Ovviamente, quando si identifica una fonte di allergia, è necessario evitare l’elemento in questione, ma talvolta questo non è possibile, basti pensare all’allergia ai pollini, agli acari della polvere, alle graminacee e così via.

Cos’è l’allergia e come il fungo Reishi inibisce le reazioni allergiche

L’allergia è una reazione di difesa nei confronti di un elemento, che il sistema immunitario identifica come pericoloso. Per questa ragione, la minaccia viene combattuta dal corpo dando origine a riniti, asma, orticaria ed altre infiammazioni. Proprio come una macchinario sofisticato, l’essere umano mette in moto una serie di reazioni per contrastare l’agente che ritiene pericoloso. Quando, però, questo elemento non rappresenta una vera e propria minaccia (es. virus), si parla di allergia. La “benzina” che mette in modo il meccanismo di difesa è l’istamina, che se è presente in eccesso può compromettere il sistema dando origine a reazioni allergiche ed infiammatorie anche quando non ve ne è oggettivamente bisogno.

Per prevenire l’allergia, quindi, si può assumere costantemente un inibitore dell’istamina, che si trova in forma naturale nel fungo Ganoderma. Gli acidi oleici contenuti nell’estratto di Reishi, che fanno parte della famiglia degli Omega-9, sono dei potenti antiallergici proprio perchè agiscono bloccando l’istamina e dunque tutte le reazioni infiammatorie ed i sintomi dell’allergia che si manifesterebbero con la sua attivazione. La soluzione ideale, oltre ad assumere costantemente un estratto naturale di Ganoderma, è quella di limitare l’assunzione dei cibi contenenti alti livelli di istamina, andando così a bilanciare una dieta preventiva con un potente inibitore. Proprio per le sue caratteristiche e per la sua efficacia, il fungo Reishi viene spesso definito miracoloso, poiché la sua forte azione è del tutto naturale e quindi non presenta le controindicazioni tipiche dei farmaci. L’acido oleico, che inoltre regola la respirazione cellulare, è infatti presente in natura e deriva da elementi vegetali ed in buona quantità nel fungo Ganoderma. Oltre agli Omega-9, il Reishi contiene peptidi LZ-8, che vengono definiti antiallergici. Riducendo l’istamina e andando a stimolare positivamente ed in modo funzionale il sistema immunitario tramite i peptidi LZ-8, l’efficacia del Reishi permette di svolgere una notevole prevenzione, soprattutto nei confronti dell’allergia stagionale.

Il Ganoderma contiene poi degli elementi aggiuntivi che si rivelano anch’essi molto utili nel contrastare i sintomi delle allergie. La ricerca scientifica ha evidenziato che, tra i benefici del Ganoderma vi sono proprietà antinfiammatorie, preventive della bronchite e mucolitiche.

Se volete trovare altre info sul Ganoderma Lucidum visitate questo nuovo portale ganodermalucidum.it


read more

Carissimi miei Amici, 

vorrei mettere alla vostra attenzione uno studio che è stato fatto sul Reishi e la sua capacità di ridurre gli effetti dannosi dell’ Alcol sul fegato e di inibire i ricettori responsabili del consumo di Alcol , ovviamente questo è solo uno studio preliminare che è stato fatto su delle cavie da laboratorio , sono molto contenta che la ricerca sul Ganoderma continui e che vengano pubblicate nuove scoperte come questa, vi metto qui sotto la traduzione dell’articolo e il link dove andare a vedere l’ originale , a voi le considerazioni 😀 

 
Effetto Neurometabolico del Ganoderma lucidum in Ratti con moderato consumo di alcol. 


BACKGROUND:

I farmaci ottenuti da prodotti naturali sono ampiamente usati come preventivi per malattie indotte dal consumo di alcol. Uno di questi prodotti preventivi è il fungo Reishi, Ganoderma lucidum. A causa delle proprietà antiossidanti di questi preparati, ci aspettiamo effetti preventivi neuroprotettivi dei farmaci a base di Reishi in animali trattati con alcol.

METODI: Il Reishi (R), la sospensione è stata prodotta come estratto acqua da funghi Altaian. Sprague-Dawley maschi sono stati separati nelle seguenti 3 gruppi sperimentali: gruppo A + R ricevuto R (6 giorni a settimana) a partire 1 settimana prima dell’esposizione di alcol, e durante le prossime 3 settimane, hanno ricevuto entrambi R e alcol; gruppo A ha ricevuto Alcol; e il gruppo C ha ricevuto acqua. Alla fine dell’esperimento, abbiamo determinato il profilo metabolico utilizzando la spettroscopia di risonanza magnetica protonica (1 H MRS) della spettroscopia di risonanza magnetica corteccia cerebrale e fosforo del fegato. Inoltre, sono state raccolte le cellule del sangue, la biochimica siero e istologia del fegato sono stati eseguiti dopo l’ eutanasia.

RISULTATI: Minimi quadrati parziali analisi discriminante elaborazione del cervello 1 H MRS dato 2 assi, l’asse Y1 positivamente correlata con il livello di taurina e negativamente correlata con il livello di lattato, e l’asse Y2 positivamente correlata con il contenuto di GABA e glicina e negativamente correlata con la somma dei neurotrasmettitori eccitatori, glutammato e glutammina. I valori Y1 riflettono l’energetica del cervello per il gruppo A + R di superamento dei valori corrispondenti per i gruppi C e A. Il livello massimo Y2 riflettendo la prevalenza di metaboliti inibitori del cervello è stata osservata nei ratti esposti all’alcol. Il consumo moderato di alcol non ha causato significativi cambiamenti patologici nel fegato degli animali da esperimento. Tuttavia, 20 giorni di consumo di alcol è aumentato in modo significativo il numero di epatociti binucleari rispetto al controllo.
Questo effetto è stato mitigato nei ratti che hanno ricevuto l’estratto Reishi.

CONCLUSIONI: Gestione regolare della sospensione Reishi ha migliorato la fornitura di energia per la corteccia cerebrale e diminuita la prevalenza di neurotrasmettitori inibitori che sono caratteristici del consumo di alcol. L’aumento di alcol-indotta proliferazione del fegato è stata significativamente soppressa dalla somministrazione regolare della sospensione dell’acqua Ganoderma Lucidum.

Fonte :
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26058418

 

Un abbraccio e a presto

Lucy :*

 

Ganoderma e Alcol

 


read more